Palermu grande: una splendida ristrutturazione di hotel svela u ghjuvellu piattu di a Sicilia


Una casa accantu à u mare in Sicilia: hè l’aspirazione immubiliare di l’età. Per migliaia d’anni, da tuttu u Mare Nostrum sò ghjunti à cunquistà – Fenici, Cartaginesi, Grechi, Rumani, Arabi, Normanni – è sò stati cunquistati elli stessi, fundendu culunie è erigendu tempii in tuttu u so litorale. In i seculi dopu, artisti è Grandi Turisti sò cascati quant’è duri per e limpide baie e calette di Sicilia è per a so storia singulare, stratificendu duminiu nantu à duminazione in un splendidu collage culturale. Ma nimu hà campatu in bor di mare cum’è i siciliani stessi: testimone di a periferia di Palermu, a capitale – i so periferi oramai andati à piantà, ma à u XVIIIu seculu un’utopia di agrumi è di spettacolari tenute aristocratiche chì falanu finu à u Tirrenu di cui splendidamente délabré e ville aghjunghjenu sempre u paisaghju.

Era un seculu dopu chì a famiglia mobile Florio ascendente – prupietarii di prublemi di trasportu marittimu, pesca è impianti di imballu (duvemu l’esistenza di u tonu in scatula à a so visione intraprendente) è i pruduttori di u vinu marsala chì probabilmente cunnoscenu u so nome – anu acquistatu un casa nantu à un prumuntoriu ghjustu à nordu di u portu di Palermu, à l’ombra di Monte Pellegrinu. Ignazio Florio Sr u hà battizatu Villa Florio, aiutendu cusì à solidificà a bona fede suciale di a famiglia; qualchi decennii dopu u so figliolu, Ignazio Jr, hà decisu di sfruttà u so putenziale cum’è destinazione. In u 1899, cù a so moglia aristucratica Franca – una sucietà di bellezza è salonnière chì u Kaiser Wilhelm II hà chjamatu “Stella d’Italia” – hà arruinatu u celebru architettu palermitanu Filippo Ernesto Basile per allargà a villa in un hotel di lussu à serviziu cumpletu.

Per i prossimi dui decennii, u Grand Hotel Villa Igiea (rinumata dopu a figliola di i Florios) hà fattu a storia. Palermu emerge cum’è Locu per Esse; i Florios eranu u so Populu Da Cunnosce. Concepitu cum’è una sorta di spesa diffusa per i so illustri amici, l’albergu era à l’istante un densu chì hè quellu di royalties internaziunali, industria è celebrità. Nicola II di Russia, Edward VII è George V di Gran Bretagna, Chulalongkorn di Siam è u Duc d’Orléans eranu trà i so primi patroni. U primu barone Rothschild è John Pierpont Morgan si lampanu nantu à i so yacht. Certi anu visitatu a cattedrale in Monreale o u Palazzu di i Normanni, cù i so mosaici di 900 anni; une partie a fait pour la grotte Bagni della Regina, à proximité, pour nager et déporter en intimité. Ma a maiò parte si cuntentavanu di divertisce si in i lucali di l’albergu chì era unu di l’epicentru di a sucietà in Europa.

Una affresca di l’anni 50 in u bar di l’artistu sicilianu Eugenio Morici © Lea Anouchinsky

Extérieur de la Villa Igiea

Esternu di a Villa Igiea © Lea Anouchinsky

E furtune si sò vultate, cum’elli facenu. A Villa Igiea surtì da e mani di i Florios prima di a seconda guerra mundiale; à a fine di u 20u seculu era in lenta calata dapoi anni. Mentre a grandezza di l’ambientazione, è di u bastimentu di Basile, ùn hè mai diminuita veramente, u so cachet sembra cunsignatu fermamente à u passatu. È hè forse ghjustu di dì chì a cità, chì hè andata in u so stessu declinu intornu à u listessu tempu, hà mancatu un hotel veramente eccezziunale più o menu da allora.

Intrite Rocco Forte, presidente di u gruppu ospitale omonimu chì e so pruprietà sò alcune di e più eleganti d’Europa. Forte è a so surella, vice presidente è direttore di cuncepimentu Olga Polizzi, anu messu a vista nantu à a Villa Igiea dopu avè apertu Verdura, a so località di a costa sud-ovest di a Sicilia, una decina d’anni fà. Avia un putenziale tamantu, ma ùn era senza cumplicazioni. Al di là di l’ostaculi d’acquistu è di ristrutturazione (tuttu l’albergu hè abbastanza elencatu assai), c’era u prublema di a vuluntà di Palermu stessu: ci sò quelli – u vostru scrittore fermamente trà elli – chì aduranu a cità è u so tintu giru bordi splendore, e so tonalità di Buenos Aires è Marrakech in mezu à a schiuma barocca è l’austerità nurmanna. Ma parechji britannichi li danu una miss intera; facenu invece per Taormina, o a più chic-ogni annu Val di Noto, sottu Siracusa. Palermu ùn hà mai smessu di amà a Villa Igiea – una Villa Igiea rinascita averia amatu?

U tettu baroccu in a chjesa Santa Caterina di Palermu
U tettu baroccu in a chjesa Santa Caterina di Palermu © Lea Anouchinsky

Une carte postale de 1912 de la Villa Igiea

Une carte postale de 1912 de la Villa Igiea © Archivio GBB / Alamy Stock Photo

Invitati durante a gloria di l'Igiea Belle Epoque includenu Edward VII è a Regina Alexandra, visti quì (prima fila, seconda è terza da sinistra) in u 1907

Invitati durante a gloria di l’Igiea Belle Epoque includenu Edward VII è a Regina Alexandra, visti quì (prima fila, seconda è terza da sinistra) in u 1907

Parechji anni è circa 30 milioni di euro dopu, Forte hà da ottene a so risposta. L’albergu riapre stu mese, dopu una rinuvazione di punta à pedi cuntrullata da Paolo Moschino è Philip Vergeylen, coproprietarii / direttori creativi di Londra, Nicholas Haslam, cun Polizzi. A famosa facciata di culore rossu; i castelli; a piscina in forma di pastiglia, affiancata da a so antica “ruvina” di u tempiu (una fola di Florio); u giardinu piantatu di palme, hibiscus è cactus: tutti sò stati spruzzati è tagliati ma fermanu largamente cum’è eranu.

Dentru hè induve i sforzi di preservazione minuziosi si riuniscenu cun reinvenzione creativa. “Basile hè praticamente scunnisciutu in Inghilterra”, dice Polizzi. «U so amore per u Medievu è per a Libertà [Italian art nouveau]”- i dui stili evidenti in tutta a Villa Igiea -” hè una cumbinazione strana, ma hè assai apprezzatu in Palermu “. A Sala Basile à doppia altezza, cù e so affresche di Ettore de Maria Bergler è l’immensa luce centrale in vetru fiore, hè tipica di l’architettu. “Fortunatamente hè stata cunservata assai bè, è ùn avemu avutu cà ristabilisce la cun dolcezza”, dice Polizzi. A fine di questu travagliu stava accadendu quandu sò arrivatu. I diplomati di l’accademia lucale Belle Arti, tatuati è dreadlocked in una tuta salpicata di vernice, stavanu nantu à e scale, pulendu meticulosamente e sezioni finali di scene spettaculari: cameriere languide in vestiti traslucidi bianchi è d’oru; campi di iris è papaveri stalvatoghji; pavoni chì fannanu abbondanti piume di coda di turchese è zaffiru.

Il y a un grand escalier en bois de noyer, sa garde-corps décorée décorativement camouflant un B et E entrelacés (Basile était connu pour ses signatures clandestines secrètes), et – de manière serie, note Polizzi – plusieurs meubles que l’architecte a conçu pour l’hôtel, qui ont statu risturatu è risiede in tuttu. I banchi di concierge originali, monoliti di legnu cun un aria assai Grand Budapest intornu à elli, sò stati rimossi, puliti è reinstallati. (Ancu assai Grand Budapest: l’enormi chjavi di a stanza tasselled – micca carte, micca fobs digitali; chiavi veri – chì appendenu in cubbi puliti dietro di elli.)

U bar di Villa Igiea

U bar di Villa Igiea © Lea Anouchinsky

Dettaglio da una murale in a Sala Basile

Detagliu da una murale in a Sala Basile © Lea Anouchinsky

A rinnuvazione, chì hà duratu dui anni – una di elle durante l’arrestu di a pandemia – hè stata intimurante (“Avia duvutu esse u travagliu u più bellu, in a bella Palermo, ma à le volte era un pocu un incubo”, ammette Polizzi). Ogni ultimu dettagliu duvia esse appruvatu – occasionalmente via Zoom – da u ministeru lucale di surveglianza culturale. “Ancu i schemi di culori”, dice Vergeylen, un prucessu resu più faciule “basendu tutti nantu à i murali di Sala Basile, dunque nimu puderia veramente dì chì ùn eranu micca legittimi”.

Tutti i piani di e camere sò stati smuntati è rifatti, riducendu u numeru da 120-plus à 100. I vechji bagni eranu à volte minuscule; e suite d’interconnessione ùn eranu micca a configurazione di rigore chì sò oghje. “Avemu avutu da ripensà tutalmente i schemi per u fattore di cunfortu mudernu”, m’hà dettu Vergeylen. “Ma dinò di tene à mente chì quandu e persone chì cunnoscenu a Villa Igiea tornanu” – è ci hè, dice, una piccula armata di persone discernenti chì sò assai attaccati à l’hotel – “a risposta chì vulemu ùn hè micca “Oh, si sente cusì diversu”; hè “Oh, l’avete ripresu in vita” ”

“A manera di fà quessa era di rispettalla avendu stata cuncipita cum’è una sorta di residenza privata”, aghjusta Moschino. «Dopu tuttu, prima era un hotel era Villa Florio. Avemu guardatu e piccule biblioteche è salotti “- chì puderia esse cunsolidatu in spazii più grandi (è megliu generatori di ricavi). «L’edifizii anu caratteri, evolucionanu; Ùn credu micca à rasciallu tuttu. “

Giardini botanichi di Palermu
Giardini botanichi di Palermu © Lea Anouchinsky

Un gala à a villa in l'anni 1910 - Franca Florio face parte di l'invitati

Un gala à a villa in l’anni 1910 – Franca Florio face parte di l’invitati

A scimità di a villa

A scimità di a villa

Dice questu, Vergeylen nota chì Forte era parziale di ricurdà à a squadra di cuncepimentu chì “Villa Igiea” hè sempre preceduta da e parolle “Grand Hotel”. Fora, allora, cù qualsiasi intimazione di un schema di cuncepimentu in spiaggia o à distanza casuale. “Un ambiente perfettu per un grand weekend in una grande casa” era u scopu, dice Vergeylen. Ancu e camere più chjuche (chì, à circa 35 metri quadrati, ùn sò micca chjuchi) anu soffitti alti, letti coperti in tappezzeria è muri rivestiti di ardesia ricca di turchinu, d’oru è di salvia, o altrimenti sfondi produtti da u Design Lab à San Patrignanu, a cumunità di riabilitazione recentemente resa famosa da a serie documentale Netflix SanPa: Sins of the Savior. (Una cronaca di u so fundatore cuntruversu, a seria ùn prufonda micca in i straordinarii attelli artigianali chì sò fiuriti quì dopu a so morte in u 1995 – patrocinatu da, frà altri, Renzo Mongiardino, chì li hà lasciatu numerosi disegni archivistici, alcuni di i quali Moschino è Vergeylen hè statu spargugliatu in l’albergu).

Ogni ultima piastrella maiolica in i lucali chì ùn hè micca stata recuperata hè stata persunalizata da Scianna Ceramiche, u più vechju pruduttore artigianale di Bagheria, à livante di Palermu. “Ùn avete micca pensatu à vultà materiali in Messicu o in Giappone per stu tipu di travagliu”, dice Vergeylen. “Vulia a sustenibilità in u sensu più veru di sta parolla – sustene l’imprese lucale è cunnosce l’artigiani cù i quali travagliate.”

U salone, ripristinatu à a so gloria Belle Epoque

U salone, risturatu à a so gloria Belle Epoque © Lea Anouchinsky

Una di e suite à Villa Igiea

Una di e suite à Villa Igiea © Lea Anouchinsky

Questu hè un hotel Rocco Forte, u benessere avia sempre da prisentà in modu prominente; A figliola di Forte, Irene, chì si trova à u bordu di u Cumitatu Globale di Benessere (è dirige tutti i prugrammi di benessere di l’alberghi), hà pesatu nantu à e spa è e sale di fitness, chì occupanu a so propria dependenza longa in u fondu di u giardinu – tuttu legnu chjaru , alegra piastrelleria verde è luce chì passa per e finestre da u pianu à u tettu. A linea di cura di a pelle, formulata trè anni fà cù prudutti cultivati ​​in Verdura è acquistati in l’isula (ibiscus, albicocca è oliu di pistachju, fiore d’aranciu) s’adatta digià à a fattura.

L’hotel hè attualmente in fase di apertura dolce; i ditaglii di cuncepimentu sò ingannati, i menu arricchiti è ritagliati. Ma quandu l’albergu hè cumpletamente cumpletu, hè sicuru di dì chì ùn ci serà nunda di favulosu in a capitale siciliana. In quantu à Palermu stessu: u successu di Manifestu, a biennale d’arte cuntempuranea nomada ospitata quì in 2018, cù l’apertura di Palazzu Butera, U museu privatu di Massimo è Francesca Valsecchi in u quartieru Kalsa, pare avè lanciatu una piccula rinascita. Ci hè un numeru crescente di vini è cocktail bar, è di giovani chef. Ci hè u assai degnu Galleria d’Arte Moderna, dans le complexe du couvent Sant’Anna, et des concerts et expositions vibrants dans la presque absurde jolie Santa Maria dello Spasimo, l’église inachevée et sans toit du 16ème siècle de Kalsa.

È ci hè, prevedibilmente, cumpetizione à l’orizonte, cumprese l’ambiziosu rinuvamentu di l’altru puntu di storia storicu di a cità, u Grand Hotel è Des Palmes, chì s’hè apertu cù un risturante è una barra di tettu cù u chef stella talianu (è sicilianu nativu) Filippu La Mantia. Palermu puderia infine stà bè è in veru in crescita; ci hè una nova casa cunvincente à fiancu à u mare chì aspetta, per quelli curiosi di scopreli da per elli.

roccofortehotels.com; da 420 €



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *