E Cumpagnie Solare Americane Si Basanu nantu à Materiali Da u Xinjiang, Induva U travagliu Forzatu hè Rampante


Stringer China / Reuters

Un omu cammina attraversu pannelli solari in una centrale di energia solare in custruzzione in Aksu, Regione Autonoma Uighur di Xinjiang, u 5 d’aprile di u 2012.

Stu prugettu hè statu sustinutu da u Centru Eyebeam per l’Avvene di u Ghjurnalisimu, u Centru Pulitzer, è u Fondu Tecnulugia Aperta.

L’energia solare hà custruitu una reputazione cum’è una industria virtuosa, salvendu u pianeta furnendu energia pulita. Ma l’industria hà un ventre bruttu: si basa assai in Xinjiang – una regione in Cina chì hè diventata sinonimu di travagliu furzatu per e minurità musulmane – per cumpunenti chjave.

Durante l’ultimi quattru anni, a Cina hà detenutu più di un milione di persone in un reta di facilità di detenzione in tutta a so regione Xinjiang. Parechji di sti campi cuntenenu fabbriche induve e minurità musulmane sò furzate à travaglià. L’industria solare dipende in gran parte da e parti è materiali impurtati da sta regione, induve a pesante sorveglianza di u guvernu rende quasi impussibile per l’osservatori esterni di valutà se e persone travaglianu per via propria. Tuttavia, ci sò pochi fornitori alternativi per i cumpunenti chì l’industria solare hà in i Stati Uniti.

Hè un prublema particulare per u polisilicone, a forma di cristallu grisgiu metallicu di l’elementu integrale per fà e cellule solare, chì cunverte a luce in energia. In u 2016, solu u 9% di u polisilicone solare di u mondu venia da u Xinjiang. Ma da 2020 hà furnitu circa 45% di l’offerta mundiale, secondu l’analista di l’industria Johannes Bernreuter.

Almenu un grande fabbricante di polisilicone cinese hà stretti legami cù una urganizazione paramilitare cuntrullata da u statu, u Xinjiang Production and Construction Corps (XPCC). L’annu scorsu, u guvernu di i Stati Uniti hà lampatu sanzioni à l’XPCC per avè aiutatu Pechino à realizà u so internamentu di massa di musulmani, è i Stati Uniti anu pruibitu u so cotone, citendu evidenze chì era pruduttu cù u travagliu furzatu.

L’industria solare americana face una scelta: ignora u risicu di abusi di i diritti umani o sviluppà alternative costose per una industria chì lotta per cumpete contr’à e forme più inquinanti di produzzione d’energia.

Un altru grande pruduttori di polisilicone chinese hà dettu chì travaglia cun “scole prufessiunali»In Xinjiang, una bandera rossa perchè u guvernu cinese hà longu adupratu stu termine cum’è eufemisimu per i campi d’internamentu.

L’Associazione Industriale di l’Energia Solare, chì rapprisenta e cumpagnie solare in i Stati Uniti, s’oppone à e violazioni di i diritti umani “reprobabili” in Xinjiang è “incuraghjisce” e cumpagnie à spustà e so catene di fornimentu fora di a regione, hà dichjaratu John Smirnow, u cunsiglieru generale di u gruppu.

“Ùn avemu micca indicazione chì l’energia solare hè direttamente implicata, hà dettu,” ma datu i rapporti, vulemu assicurà chì u travagliu furzatu ùn sia mai una parte di a catena di fornimentu solare “.

Ma quandu u presidente elettu Joe Biden si prepara à entrà in carica, dopu avè prumessu di migliurà l’infrastruttura di l’energia pulita in i Stati Uniti, l’industria solare americana face una scelta: ignora u risicu di abusi di i diritti umani o sviluppà alternative costose per una industria chì lotta per competere contr’à forme più inquinanti di pruduzzione energetica.

Costfoto / Barcroft Media via Getty Images

Un travagliadore produce verghe di quarzu in polisilicone in Contea di Donghai, Pruvincia di Jiangsu, Cina, u 30 di ghjugnu di u 2020.

A Cina hè venuta à duminà l’industria glubale di u polisilicu dopu mette tariffu annantu à l’impurtazioni di polisiliziu da i Stati Uniti, a Corea di u Sud è a UE è aumentanu a produzzione interna, in apparente vendetta contr’à i tariffi imposti da i Stati Uniti, in u 2014. A Cina hè ancu unu di i più grandi cunsumatori di polisilicone in u mondu, ciò chì significava chì era diventatu menu desiderabile per parechje cumpagnie fora di Cina di cumpete perchè ùn era più economicu di esportallu quì. In l’anni dopu, l’industria di u polisilicone di a China hà prosperatu, micca solu in Xinjiang, ma in altre regioni cum’è a pruvincia suduveste di Sichuan.

“A maiò parte di a catena di fornimentu hè cuncintrata in Cina, è a maiò parte di u restu in l’Asia sudorientale hè in e piante di pruprietà di e cumpagnie cinesi”, hà dettu Bernreuter. “Ùn ci hè micca una grande alternativa per a filiera”.

Ma l’impurtazioni da u Xinjiang anu tiratu l’ira di i legislatori in i Stati Uniti in l’ultimi mesi.

In l’ultimu Cungressu, rappresentanti cunsideratu un prughjettu di lege chì averia pruibitu tutte e merchenzie di a regione, un pezzu di legislazione chì puderà esse rinvivitu in a prossima sessione. A fattura di a Camera specificamente prugrammi mirati di “alleviamentu di a miseria” chì movenu i musulmani di u Xinjiang à travaglià in fabbriche è in splutazioni luntanu da e so cità di nascita.

“Hè guasi impussibile di valutà cun fiducia e cundizione di travagliu in Xinjiang”.

Dapoi a fine di u 2016, u guvernu cinese hà impostu una campagna chì includia a detenzione di massa, a surviglianza digitale, l’adoctrinamentu è u travagliu furzatu annantu à una populazione di circa 13 milioni di minurità musulmane in a regione occidentale di u Xinjiang, cumpresu uiguri etnici, Kazakhs, è altri . E persone chì ùn sò micca cinesi chì visitanu u Xinjiang sò spessu assai cuntrullate o scortate da l’ufficiali di pulizza, per quessa, hè assai difficiule per e cumpagnie di verificà e so catene di fornimentu per u travagliu furzatu, dicenu i sperti.

«Hè guasgi impussibile di valutà cun fiducia e cundizioni di travagliu in Xinjiang solu perchè hè guasi impussibile d’andà un assessore cumpetente in a regione. È po a so capacità à intervistà i travagliadori, in particulare i travagliadori uighuri, hè limitata per via di a surveglianza “, Amy Lehr, direttore di u prugramma di i diritti umani in u Centru per Studii Strategichi è Internaziunali in Washington, DC, è l’autore principale di un raportu nantu à u travagliu furzatu in a regione, hà dettu à BuzzFeed News.

Ma a Custodia è a Prutezzione di e Fruntiere di i Stati Uniti hà dighjà l’autorità ghjuridica per pruibisce l’importazioni da a regione s’ella suspetta chì u travagliu furzatu hè statu adupratu. L’agenzia hà piantatu una spedizione di capelli umani da Xinjiang in lugliu basatu annantu à i rapporti chì e prulungazioni sò state fatte cù travagliu di prigiò. In dicembre, CBP spedizioni sequestrate di pezzi di cuttuni è urdinatori da u Xinjiang. Sta settimana, hè pruibita impurtazioni di prudutti di pumata è di cuttuni da a regione annantu à ciò chì chjamava “travagliu schiavu”.

“Hè abbastanza pussibule chì e cumpagnie solari ponu esse scrutiniate da CBP in quantu à i risichi di travagliu forzatu in u Xinjiang in e so catene di furnimentu ancu s’ellu ùn ci hè micca pruibizione regiunale perchè sta questione riceve più attenzione”, hà dettu Lehr.

U gruppu di ricerca Horizon Advisory hà dettu in un raportu chì u polisilicone di Xinjiang sbarcava spessu in i Stati Uniti.

“Queste merci entranu in i Stati Uniti da Cina sia direttamente sia via trasbordazione indiretta è trasfurmazioni in parechji altri paesi, cumpresi Tailanda, Malesia, Corea, Singapore è Vietnam”, dice u rapportu, cuncludendu chì “l’esposizione à u travagliu forzatu hè diffusa. “In l’industria, ancu in” pannelli solari impurtati è installati in i Stati Uniti “.

U travagliu furzatu hè tipicamente adupratu per l’impieghi di fabbricazione chì ùn richiedenu micca cumpetenze specializate. Alcuni di sti tippi di compiti, cume a separazione di tubi di u materiale, sò aduprati in a produzzione di polisilicone.

Se i Stati Uniti anu pruibitu l’importazione di polisiliziu da a Cina, l’esperti di l’industria dicenu chì e sucietà basate in i Stati Uniti averianu abbastanza capacità per cumpensà a carenza, ma affronteranu costi più elevati è altri prublemi in a catena di fornimentu.

Per una cosa, l’altre parte aduprate in pannelli solari sò duminate ancu da a fabricazione cinese. Una volta chì u polisilicone hè fattu, hè tagliatu in piccule pepite chjamate “cialde”. A stragrande maggioranza di i fabbricanti di cialde sò situati in Cina. È paragunatu à l’altre parte di a Cina, hè più prezzu di fabricà polisilicone in Xinjiang, induve e cumpagnie ponu riceve grandi sussidi da u guvernu è u costu di l’elettricità, furnita da l’usine di carbone, è i salarii sò tipicamente inferiori à quelli di e parti più ricche di Cina.

REC Silicon, un fabricatore norvegese di polisilicone chì e so strutture di fabricazione sò basate in i Stati Uniti, hà investitu più di un miliardu di dollari in a custruzzione di una fabbrica di polisilici in u statu di Washington. Dopu à u colpu di i tariffi cinesi nantu à e merchenzie americane, a sucietà hà avutu prima à rallentà a produzzione è dopu chjudelu cumpletamente in 2019.

È l’industria puderia affruntà più difficultà naziunali avanti. Un esecutivu cù Hemlock Semiconductor Group, un fabricatore di polisilicone in i Stati Uniti, hà dettu l’investitori u 22 d’ottobre ch’ellu era “abbastanza cunvintu” chì vene un’inchiesta di u guvernu americanu nantu à a catena d’approvvigionamentu solare.

Nutizie BuzzFeed; Google Earth

Foto satellitari chì mostranu a sequenza di custruzzione di a pianta di polisilicone di Daqo

A maiò parte di u polisiliziu di u Xinjiang hè fattu da quattru cumpagnie chinese, chì sò trà i sei più grandi fornitori di materiale in u mondu. Unu, u Daqo New Energy Corp, hè listatu in a Borsa di New York. Cù questu vene esigenze di trasparenza chì permettenu una migliore comprensione di cume opera.

Sicondu i media statali cinesi è u situ web di a cumpagnia, hà stretti legami cù una urganizazione paramilitare cinese cuntrullata da u Statu chjamata u Xinjiang Production and Construction Corps (XPCC) – una urganizazione cusì putente chì amministra cità di a regione. Cunnisciutu megliu in Cinese solu cum’è “u corpu”, e so attività anu inclusu l’aiutu di i migranti Han cinesi à stallassi in Xinjiang è l’amministrazione di e splutazioni. U XPCC hà publicatu un documentu puliticu in u 2013 chì stabilisce l’energia solare cum’è unu di i so “obiettivi di sviluppu”.

In lugliu, u guvernu di i Stati Uniti hà messu u XPCC sottu sanzioni, dicendu chì avia aiutatu à mette in opera a pulitica d’internamentu di massa di Pechino rivolta à i musulmani. U 2 di dicembre, i Stati Uniti pruibitu l’importazione di cotone pruduttu da u XPCC, citendu prove chì usa u travagliu furzatu.

U XPCC ùn hè micca pussutu esse ghjuntu per u cummentariu.

In i registri publichi fatti in uttrovi cù a Securities and Exchange Commission di i Stati Uniti, Daqo divulgatu chì hà guadagnatu “vantaghji supplementari” in i costi di l’electricità perchè u XPCC gestisce a rete elettrica regiunale. U ghjurnale statale lucale hà dettu chì XPCC hà pagatu sussidi Daqo per più di 489.447 yuan (circa 75.000 $). E cumpagnie anu ricevutu millioni di più in sussidi da u guvernu di Shihezi, una cità in Xinjiang amministrata da u XPCC. In lingua cinese comunicatu di stampa, A filiale di Xinjiang di Daqo hà ancu nutatu chì hè cunsiderata cum’è una “unità pilotu di l’impresa innovatrice” di u XPCC.

A pianta di polisilicone di Daqo hè situata à pocu più di 7 chilometri à u nordu di a cità di Shihezi. A custruzzione hà iniziatu in a primavera di u 2011, quandu una zona di terreni agriculi di e dimensioni di 110 campi di football hè stata liberata per fà piazza à a pianta. À u 2013, era compiu, cù grandi edifizii industriali chì coprenu u situ, ligati trà elli da una reta di canne elevate. In u 2014, u compostu hè statu allargatu da altri 3 milioni di piedi quadrati, è in i dui anni successivi, novi edifici anu cuntinuatu à esse aghjuntu. L’ultima crescita di a pianta hè stata fatta durante l’estate di u 2019. Un altru 3 milioni di metri quadrati sò stati aghjunti à l’estremità sudueste di u compostu, è parti di u situ chì avianu sedutu prima inutilizatu sò stati riempiti di edifici. A pianta copre avà 12,2 milioni di metri quadrati, l’equivalente di 215 campi di football.

Daqo ùn pudia micca esse ghjuntu per u cummentariu, ma hà dettu prima ùn adopra micca u travagliu furzatu “in nisuna circustanza sia in i so stessi stabilimenti sia in tutta a so catena di fornimentu”.

In Xinjiang, prugrammi eufemisticamente descritti cum’è “alleviamentu di a miseria” sò stati ligati à u travagliu furzatu, secondu e ricerche di u CSIS è d’altre urganizazioni.

“Saria insostenibile d’avè una industria custruita annantu à u carbone è u travagliu schiavu”.

Unu di l’altri grandi pruduttori di polisilicone in Xinjiang, GCL-Poly Energy, hà dettu chì travaglia cù “scole prufessiunali” in Xinjiang in un rapportu annuale. U guvernu hà longu riferitu à i campi d’internamentu in a regione cum’è scole prufessiunali. L’articuli di stampa in lingua cinese dicenu ancu chì GCL-Poly participeghja à prugrammi di allevamentu di a miseria.

GCL-Poly ùn hè micca pussutu esse ghjuntu per u cummentariu.

L’industria hà da fà una scelta, hà dettu Francine Sullivan, vicepresidenta per u sviluppu cummerciale in REC Silicon, u fabricatore norvegese di polisilicone.

“Saria insostenibile d’avè una industria custruita nantu à u travagliu di carbone è di schiavi”, hà dettu. “A maiò parte di e persone in u solar pensanu chì serà alluntanatu da noi. Ùn ci vole micca à trattà cun ella perchè simu sulari “. ●



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *