Apartheid Israeli in campus | Boicottamentu Cessione è Sanzioni


U 13 di maghju, u stabilimentu in ligna di i Stati Uniti Mondoweiss hà publicatu una video nant’à Twitter chì mostrava à studenti palestinesi chì protestavanu pacificamente à l’Università Ben Gurion di Beersheba attaccati da a pulizza israeliana. I studienti protestavanu contr’à l’espulsione furzata di i Palestinesi da e so case in Ghjerusalemme Est occupatu. Mentre i studienti palestinesi anu avutu attacchi simili in università israeliane in tuttu u paese, assai di elli fughjenu u campus è rientranu in casa.

Membru di a Knesset Sami Abu Shehadeh è capimachja di u Partitu Balad hà invucatu u Cunsigliu di l’Educazione Superiore è u Ministru di l’Educazione Yoav Galant per prutege i studienti palestinesi in università israeliane. Ellu disse: “A prutezzione di i nostri studienti hè una dumanda maiò è impurtante per noi per via di e circustanze in corsu chì sentenu a perdita di sicurezza è di sicurezza in l’università israeliane è in residenze scolastiche”.

Sarebbe faciule di qualificà l’attacchi à i campus universitarii cum’è un avvenimentu eccezziunale, in un periodu di tensioni pulitiche accentuate, ma l’università israeliane sò state da tempu complici di a vittimizazione di i Palestinesi da l’occupazione israeliana. In a ricerca ch’e aghju fattu trà u 2013 è u 2016 in Israele, aghju trovu chì l’università israeliane discriminanu sistematicamente i studienti è e cumunità palestinesi, s’impegnanu cù u cumplessu industriale militare israelianu è sustenenu pienamente e pulitiche di l’apartheid di u statu.

‘Nova Ghjerusalemme nantu à a cullina’

Dopu avè visitatu parechje università in Israele, aghju trovu a storia è u campus di l’Università Ebraica nantu à u Monte Scopus (HUJI) in Ghjerusalemme occupata per esse un grande esempiu di cume l’istituti d’istruzione superiore sò diventati cumplici di u prugettu coloniale israelianu.

Fundata in 1918, trè decennii prima di a creazione di Israele, l’università era una iniziativa marcante di attivisti sionisti in Europa. Era un locu di rifugiu per accademici ebrei esiliati è studienti d’Europa. Ma a custruzzione di l’università era ancu cunsiderata sinonima di a rifacenza di a nazione ebraica. Stu simbolicu hè statu scrittu in a cuncezzione di u campus.

Situata in cima à u monte Scopus di Ghjerusalemme, l’università hà una vista senza ostaculi di Haram al-Sharif o di u Monte di u Tempiu. In realtà, durante e fasi di pianificazione, hè statu chjamatu u Terzu Tempiu, significendu u ristabilimentu di a cunnessione interrotta trà u populu ebreu è ciò chì percepenu cum’è a so patria divinamente ordinata.

Esteticamente, i palazzi di u campus originale sò stati ispirati da l’architettura araba cum’è un modu per assicurà chì parenu indigeni à u paisaghju circundante. Tuttavia, cum’è mi hè statu signalatu da un architettu israelianu, e grandi cupole è archi ispirati à l’architettura araba anu destinatu à “simbulizà a muscularità di u sionisimu è di a nazione ebraica”.

I cuncettori di u pianu maestru originale, Patrick Geddes è Frank Mears, anu sceltu d’incorpore un stile arabu di architettura, ma l’anu fattu cun un sensu di disprezzu per a pupulazione palestinese.

In una lettera, Geddes hà scrittu: “… qualsiasi ochju uccidentale pò vede chì l’Arabi sò brutti, disordinati, degenerati in parechji modi, è hè troppu prubabile di trascurassi, o di avè difficultà à vede, e qualità di i so edifici”. Dopu cuntinuau chì era a respunsabilità di i sionisti è di HUJI di custruisce un campus in cima à u monte Scopus chì simbulizerebbe a “Nova Ghjerusalemme nantu à a cullina”.

U campus contemporaneu hè ancu punitu di iconografia naziunalista ebraica. Un cartellu nantu à un muru in u campus dedicatu da l’American Friends of Hebrew University dichjara HUJI una “università di u populu ebreu”. Un altru segnu dice chì a ricerca è l’insignamentu à l’università sò fatti per “u benefiziu di Israele [and] u populu ebreu “.

Previsibilmente, i studienti palestinesi si sentenu alienati da u campus è da ciò chì consideranu una prova di de-palestinizà un paisaghju chì face parte di a casa territoriale naziunale palestinese.

Un anzianu palestinese m’hà dettu: “L’università vole mustrà chì stu campus hè solu per l’Israele. Una parte di u prublema sò tutte e bandiere israeliane, cartelli è statue in campus. Ùn hè ancu permessu di fà azzioni pulitiche o manifestazioni di sustegnu à i Palestinesi “.

Benintesa, l’antagonisimu di l’università versu i Palestinesi hè più evidente in a so relazione cù e cumunità palestinesi in a so vicinanza. Un tali quartieru, Issawiya, hè situatu in a valle à a riva orientale di u campus è hè venutu à simbolizà a disparità chì esiste trà spazii israeliani è palestinesi.

Inequivocabilmente, l’estetica ben curata è curata currettamente di u campus stà in cuntrastu strettu cù i vicoli pieni d’immondizia è pieni di Issawiya chì sò trascurati da a municipalità di Ghjerusalemme d’Israele. Dapoi più di una decina d’anni, i veiculi di Issawiya ùn sò ancu stati capace di caccià u paese in direzzione di u monte Scopus per via di un cuntrollu di l’armata. I studienti palestinesi è i travagliadori cuntrattati da l’Università da Issawiya sò spessu affannati à stu puntu di cuntrollu prima ch’elli sianu autorizzati à entre in u campus.

Descrivendu a relazione trà HUJI è Issawiya, un studiente palestinese hà dettu: «Se fighjate u campus, hè sopra à noi. Da Issawiya duvemu circà nantu à u campus in u Monte Scopus. Questu significa chì guardemu in alto, ma si guardanu cun noi. Questa hè a relazione storica chì avemu cù l’Università Ebraica. Hè una relazione trà u culunizatore è noi. U scopu hè di fà smarisce “.

Un altru studiente hà dettu: “Sò furtunatu di studià quì, ma simu trattati per u più cum’è inferiori à i studienti israeliani … A maiò parte di a ghjente [from Issawiya] travaglià quì cum’è pulitori, serve u cibu in campusantu, fate tuttu u travagliu bruttu. Cusì, benintesa, campanu in cima di a cullina è simu in fondu “.

Cuntribuzioni à u militarisimu israelianu

Durante l’episodi di scalate violente, l’università israeliane ùn esitanu micca à fighjà apertamente cù l’armata israeliana. Durante a guerra israeliana di 2014 in Gaza, per esempiu, HUJI – cun altre università israeliane – hà sceltu di sustene publicamente l’assaltu brutale. In una lettera à amichi è anziani, l’università hà annunziatu ch’ella s’unia à u sforzu di guerra. Hà dumandatu donazioni è hà incuragitu i donatori à destinà i so cuntributi finanziari “per u fondu” Protective Edge “”, riferendu à u nome chì l’armata israeliana hà datu à a so operazione in Gaza.

Eppuru, in risposta à una manifestazione silenziosa di 2014 da i studienti palestinesi nant’à u campus contru à a detenzione amministrativa di attivisti palestinesi, l’amministrazione universitaria hà chjamatu securità di u campus è a pulizza.

Ma u sustegnu à l’armata israeliana va al di là di slogan è lettere. In fattu, a ricerca israeliana è l’istituzioni accademiche ghjucanu un rolu attivu in cuntribuisce à u militarisimu di u statu israelianu. Un esempiu primu di questu hè u sviluppu di a “Duttrina Dahiya” – chì implica l’usu di una forza sproporziunata è u targeting di l’infrastrutture civili è di l’edifici – à l’Università di Tel Aviv (TAU) -affiliated think-tank Institute for National Security Studies ( INSS). Stu principiu di guerra hè statu applicatu in e successive campagne militari israeliane contr’à Gaza.

I campus universitarii servenu ancu da furmazione per u futuru persunale militare. In 2019, HUJI hà vintu una gara per ospità u prugramma Havatzalot – un prugramma di eccellenza accademica triennale per futuri ufficiali di intelligenza – pigliendu u postu di l’Università di Haifa.

Sò stati i prufessori HUJI chì anu ancu prupostu è cuncepitu u prugramma elite Talpiot dopu à a guerra d’ottobre di u 1973 per sviluppà u vantaghju tecnologicu di e forze armate israeliane. U prugramma assai secretu hè statu ospitu in HUJI dapoi u 1979.

Ci hè ancu una relazione intrecciata trà u cumplessu militare-industriale è l’accademia israeliana. L’Università sò spessu i siti di ricerca è di sviluppu in difesa, chì à so volta anu cuntribuitu à l’industria high-tech israeliana è à u so statutu di “nazione di partenza”.

Per esempiu, Technion – Istitutu di Tecnulugia di Israele in Haifa – face a tecnulugia per a rilevazione di tunnel, hà sviluppatu l’infame bulldozer “D9” chì hè spessu adupratu per distrugge e case palestinesi è cullabura cun Elbit Systems chì produce tecnologie di sorveglianza aduprate per u muru illegale di l’apartheid israelianu in a Cisjordania occupata. Technion hà ancu sviluppatu un prugramma di trè mesi intitulatu “Strategia di Difesa per i Mercati Internaziunali” chì si concentra nantu à a marca globale di l’industria di difesa israeliana.

Similmente, l’Università Bar-Ilan di Ramat Gan hà travagliatu ancu cù e forze armate israeliane per sviluppà tecnulugia d’intelligenza artificiale per i veiculi di cumbattimentu senza pilotu. E l’Università Ben Gurion accoglie BGN Technologies – una sucietà di trasferimentu di tecnulugia chì sviluppa veiculi terrestri senza pilotu è robot d’arrampicata per usu militare.

Iniziative anti-BDS

Dopu à a guerra di Israele à Gaza in l’estate di 2014, u muvimentu di Boicottaggiu, Cessione è Sanzioni (BDS) hà guadagnatu un terrenu significativu à u mondu sanu è hà truvatu una risonanza mainstream.

Tandu, u guvernu israelianu avia digià assignatu à u Ministeriu di l’Affari Strategichi a respunsabilità di cuurdinà e so iniziative anti-BDS, chì in i prossimi anni si sò allargate rapidamente. In 2015, una task force cun un budgetu di $ 25m hè stata creata per cuntrastà BDS. In 2017, alcuni $ 72m sò stati attribuiti à sforzi anti-BDS.

Dopu à l’iniziativa di u guvernu israelianu, e università israeliane si sò ancu impegnate in un sforzu per cuntrastà a campagna BDS è migliurà a pusizione glubale d’Israele.

In ghjennaghju 2015, i filantropi di New York Nirit Weiss Shaoul è Michael Shaoul anu stabilitu u Fondu per a Famiglia Shaoul in TAU per i studiosi è i cumpagnatori in visita, cù u scopu specificu di allargà a “rete di scambii internaziunali è di cullaburazione” è di cuntrastà a minaccia di BDS.

Parlendu di l’iniziativa, Michael Shaoul hà dettu: “Vedemu questu isolamentu cum’è a seconda minaccia più seria per u paese, dopu a sicurezza, cù l’università in prima linea. Hè per quessa chì avemu creatu questu fondu di sementa – à quale speremu chì l’altri contribuiranu – per aiutà à stagnà l’effetti di a marginalizazione “.

In ferraghju 2015, l’INSS hà urganizatu un pannellu chjamatu “Campagna BDS contr’à Israele: Perchè, Cumu, è chì si pò fà?”. U panel hà include Amir Ofek da u ministru di l’Affari Esteri d’Israele, Ben-Dror Yemini da u ghjurnale Yedioth Ahronoth è Alan Johnson da u Centru di Ricerca è Comunicazione Israele di Gran Bretagna (BICOM). In Dicembre 2015, l’Istitutu Truman di HUJI hà urganizatu una cunferenza intitulata “BDS: Perchè Boicotanu Israele?” chì, frà altre cose, hà riflettutu nantu à e strategie per risponde à l’appellu più largu di u muvimentu BDS.

A dirigenza in varie università hà ancu iniziatu à affrontà esplicitamente a minaccia di boicottà. U “Rapportu di u presidente” 2015 di Technion hà trattatu specificamente BDS è hà dettu chì u prufessore Zvi Ziegler di a Facultà di Matematica si coordinava cù u Cumitatu di i Capi di l’Università di Israele in i so sforzi contr’à BDS.

In 2016, TAU hà annunziatu una Campagna Globale di 1 miliardi di dollari per raccogliere fondi per l’università. Trà i scopi di a campagna era di “aiutà à cuntrastà u muvimentu BDS”. In u stessu annu, u cunsigliu di guvernatori di l’Università di Haifa hà cundannatu a campagna BDS contr’à e università israeliane, argumentendu chì “limita u prugressu di a crescita scientifica è u scambiu d’idee è di cunniscenze, è minaccia i principii di basa di a libertà accademica” . U cunsigliu hà incuraghjitu a dirigenza universitaria à cuntinuà i so sforzi contr’à BDS.

In 2016, a Divisione per u Sviluppu Esternu è di Risorse di l’Università di Haifa hà riferitu chì i membri di a facultà stavanu travagliendu versu una cooperazione strategica cù a Rete d’azione d’Israele contr’à u muvimentu di boicot.

Impegnendu attivamente in iniziative anti-BDS, sustenendu l’occupazione israeliana di i territori palestinesi, è a vittimizazione di i Palestinesi da parte di e forze israeliane, l’università israeliane si sò rivelate più cà semplici istituzioni d’istruzione superiore. Sò cumplici di l’affari di u statu apartheid israelianu.

Cum’è sempre più istituzioni accademiche è eruditi emettenu dichjarazioni in sulidarità cù a lotta palestinese per a liberazione chì dichiaranu esplicitamente un impegnu per BDS, si nasce l’occasione di rende responsabile l’istituzioni accademiche israeliane per u so rolu in u mantenimentu di u regime di l’apartheid.

L’opinioni spresse in questu articulu sò propie di l’autore è ùn riflettenu micca necessariamente a posizione editoriale di Al Jazeera.





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *